Racconto breve di Gipo Farassino: BARBA PIERO

Barba Piero, classe 1903 una vita intera trascorsa alla Fiat. Forse, per il suo orizzonte ha ricevuto anche tanto, ma indubbiamente lui e quelli come lui, sono stati quella “forza lavoro” che ha portato la Fiat ad essere una potenza internazionale nel mondo dell’automobile.

Di famiglia povera, a nove anni iniziò a lavorare in una piccola boita che fabbricava pentole e contenitori vari in rame ed apprese la nobile arte del magnin (calderaio); ma nel suo piccolo, Barba Piero guardava un po’ più lontano. A quel tempo la Fiat dopo aver incorporato e completamente assorbito, col trucco della valigia degli aumenti di capitale, gran parte delle fabbriche artigianali: la Diatto, Spa, Temperino, Veglia e altre, stava crescendo come un enorme fungo che nell’immaginifico di una classe operaia, senza sicurezze di continuità di lavoro né coperture di previdenza sociale, infortunio, cassa mutua e pensione, avrebbe steso la sua ombra protettiva su tutta la città, portando un cielo più sereno e una certa tranquillità per il futuro della Torino operaia. E così Barba Piero, compiuti i 14 anni entrò alla Fiat Grandi Motori sottoponendosi all’esame del “Capolavoro”.

Era, questo, un esame per saggiare le capacità dei nuovi arrivati al fine poterli destinare al reparto di competenza. Barba Piero scelse “la coda di rondine”. Consisteva nel prendere un tondino di ferro, serrarlo in una morsa e con il solo ausilio di una lima, un seghetto e un regolo misuratore, il famoso “Gnonio,” segare il tondino in due parti e costruire un maschio e una femmina che s’incastrassero perfettamente tra loro in modo da ricostruire il tondino. Barba Piero fu assunto al volo come operaio, dopo due mesi era operaio specializzato e dopo due anni capo squadra tubista.

Verso la fine degli anni trenta gli fu proposto di diventare Caporeparto, ma la condizione era di prendere la tessera del Partito Fascista. La sua risposta fu: “No, grazie, primo perché sono socialista da sempre, secondo perché siete come le picie, che chiedono i soldi prima.” Nel 45, subito dopo la fine della guerra, l’allora Commissione Interna gli fece la stessa offerta: Caporeparto, ma prendere la tessera del P.C.I. La risposta di Zio Piero fu la stessa che aveva dato ai fascisti. Dopo 25 anni di lavoro ricevette una cicca di metallo con tanto di stemma FIAT da mettere all’occhiello della giacca; dopo 40 anni un’altra medaglia, questa volta d’oro con su scritto Terra-Mare-Cielo, firmata da Valletta (ma conferita dalla Camera di Commercio) e un attestato di “operosità fedele alla Grandi Motori Fiat” e quando andò in pensione, dopo 44 anni d’anzianità effettiva, con un’unica assenza di 15 giorni per infortunio e due anni di servizio militare che a quel tempo non erano conteggiati come anzianità, per la verità gli anni furono 46, gli dettero il benservito con uno stemma Fiat, d’oro contornato di brillantini e un vitalizio di 18mila lire mensili che Valletta concedeva agli anziani.

Ma la medaglia che amava di più era una semplice medaglia di bronzo ricevuta come volontario portantino della Croce Verde. Barba Piero, una vita di lavoro e sacrifici, sempre a testa alta, sempre nella stessa Casa Popolare; andava a lavorare a piedi e a piedi tornava “un po’ di moto fa bene” e la sera rientrava a casa con dentro la pietanziera quattro razioni di minestra, per altro ottima, fornita da Mamma Fiat al prezzo politico di due lire per razione.

Mai posseduto una moto, tantomeno una macchina, l’unica concessione: una mitica Frejus, incredibilmente lucida, senza un graffio, che d’inverno appendeva a due ganci in una parete della stanza da letto e il suo unico investimento, una figlia con un diploma di Ragioniere in tasca. In un mondo di quaqquaraquà, ominicchi e uomini ‘e merda, capita ogni tanto, ma proprio tanto, d’incontrare per strada un uomo. Giù il cappello!

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

3 Responses to Racconto breve di Gipo Farassino: BARBA PIERO

  1. Giovanni Sabbetti says:

    Questa stiria è stata raccontata molto bene nella canzone di Gipo : quarantanni .

  2. Giovanni Sabbetti says:

    Questa storia è stata raccontata molto bene nella canzone di Gipo : quarantanni .

  3. Giuliana says:

    Grandi uomini di un tempo……e non siamo riusciti ad insegnarlo ai nostri figli!
    Grazie Gipo, per averceli ricordati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>